Sei Esperienze Speciali di Visite a Giardini sul Lago di Como

>Sei Esperienze Speciali di Visite a Giardini sul Lago di Como

Il Lago di Como ha una grande varietà di splendidi giardini amati sia dagli orticoltori che dagli appassionati di quest’arte per le viste panoramiche, la diversa vegetazione e la ricca storia. Alcune di queste oasi situate sulle sponde del lago – quali Villa Carlotta a Tremezzo e Villa del Balbianello a Lenno – sono ben note e molto frequentate dai visitatori che vengono a villeggiare in questa zona, mentre altre rimangono più appartate e aspettano soltanto di essere scoperte. Abbiamo stilato per voi una pratica lista di giardini che potrete visitare durante il vostro soggiorno al Palazzo del Vice Re, e abbiamo abbinato ognuna di queste visite a una delle esperienze uniche che offriamo e che danno ai nostri ospiti una visione e comprensione più profonde e intense, e allo stesso tempo un piacevole svago. Tra le nostre proposte, ognuno di voi troverà qualcosa di più speciale e appropriato alla sua personalità e ai suoi gusti, dato che i nostri suggerimenti spaziano dalle famiglie con bambini curiosi ai maghi della fotografia e artisti dilettanti, e non dovrete fare altro che rivolgervi al nostro personale perché vi organizzi un’escursione botanica davvero speciale. 

Che la flora sia con voi!     

Per tipi avventurosi: Giardino del Merlo 

Pochi visitatori optano per l’escursione all’Alto Lago durante il loro soggiorno sul Lago di Como, e si perdono veramente qualcosa! Il ramo settentrionale, caratterizzato da un tipo di paesaggio più desolato e battuto dal vento, offre la serenità dei luoghi appartati dagli itinerari massificati, una storia di grandi gesta e il posto che più vi infonderà la sensazione di essere in comunione con la natura selvaggia che potrete trovare in tutta la zona del lago favorito al mondo. Su una collina ricoperta di boschi tra i paesi di Musso e Dongo, scoprirete il pittoresco Giardino del Merlo, disposto su terrazze che si estendono al di sotto della deliziosa Chiesa di Sant’Eufemia. La storia di questa zona è affascinante: il bellissimo marmo bianco è stato estratto da cave del posto dall’epoca dell’Impero Romano; un re pirata del XVI secolo regnò sul lago con pugno di ferro dalla sua fortezza elevata sulle scogliere di Musso e il dittatore Mussolini fu catturato in queste colline nel 1945 mentre tentava di scappare in Svizzera.   

E fu proprio qui dove nel 1858, vicino alle rovine della vecchia fortezza, Giovanni Manzi decise di creare un giardino botanico terrazzato come quelli che si possono trovare sulle ripide scogliere della costa ligure. Sebbene il Giardino del Merlo non sia più l’oasi magnificamente curata che soleva essere quando era in vita la nipote di Manzi, è tuttora emozionante girovagare per i suoi sentieri rocciosi, arrampicarsi sui ponti e avventurarsi nelle cave di marmo. Gli amanti dei giardini del posto si stanno impegnando con sforzi sovrumani per restaurare il Giardino del Merlo e riportarlo al suo antico splendore, mentre la caratteristica flora mediterranea, che va dai fichi d’India agli alberi di eucalipto, e che si fonde armoniosamente con la tipica vegetazione autoctona è ancora ben presente e visibile. I punti panoramici di cui si può godere dal giardino non hanno nulla da invidiare alle più splendide viste, ma a causa della mancanza di barriere di protezione e alcuni punti del terreno piuttosto accidentati, consigliamo vivamente agli ospiti di essere molto prudenti, di indossare calzature adatte e di lasciare i piccoli a casa.    

Giardino del Merlo | mappa

Per quelli che amano indugiare: Giardino della Valle

Nonna Pupa – una nonna del posto maestra del giardinaggio estremo – è una specie di celebrità nella zona del Lago di Como. È stimata sia dalla gente del luogo che dai visitatori per i suoi sforzi coraggiosi e audaci nel trasformare l’oscenità di una discarica illegale della sua Cernobbio in un’idilliaca oasi piena di statue bizzarre, ponti romantici e serpeggianti sentieri ombreggiati. Passeggiare per il Giardino della Valle, che si distingue per la sua atmosfera piuttosto intima, è un’avventura di non lunga durata, a meno che (come noi!) non preferiate attardarvi leggendo versi di poesia riportati nei cartelli, soffermandovi ad ammirare le opere d’arte o tentando di identificare ogni tipo di fiore o bocciolo. Coloro che amano la lettura e la letteratura adoreranno la piccola biblioteca a prestito gratuito e la panchina situata nelle vicinanze perfette per indugiare con un buon libro in mano. 

Ogni giorno è buono per visitare il Giardino della Valle, ma naturalmente alcuni giorni ispirano più di altri, dunque vi consigliamo di consultare il sito web e la pagina di Facebook di questo giardino per ottenere informazioni e dettagli su eventi in arrivo che vanno da concorsi con i fiori per protagonisti a letture e concerti. Con un po’ di fortuna, potrete trovarvi in paese per uno degli open day del giardino in occasione dei quali i volontari, assolutamente indispensabili, donano il loro tempo e il loro talento  per mantenere questo paradiso fiorito al massimo del suo vigore. Anche voi potreste ritrovarvi nel gran numero di solerti giardinieri – come quelli che si sono presentati per il recente evento “Dig for Glory” nel mese di luglio – e avere pure la fortuna di conoscere di persona la novantaduenne Nonna Pupa, un’eccezionale fonte d’ispirazione!

Giardino della Valle | mappa

Per appassionati di orticoltura e ciclismo: Orto Botanico a Valmadrera

La zona nella punta meridionale del ramo di Lecco sul Lago di Como e nei suoi dintorni è il sogno dei ciclisti e degli amanti della natura. Una pista ciclabile lungo il Fiume Adda va da Lecco fino ai canali di Milano; in alternativa a questo percorso, potrete trascorrere soltanto qualche ora a fare il giro dell’incantevole Lago di Garlate a sud di Lecco, come abbiamo menzionato in un recente blog post. Se amate l’orticoltura e il ciclismo, quest’escursione a Valmadrera, nella parte orientale di Lecco, è l’opzione ideale per voi.

Prima recatevi a Malgrate, al negozio Rush Cycle, per noleggiare le biciclette e per chiedere al personale esperto indicazioni e dettagli su come raggiungere il centro del vicino borgo di Valmadrera e il Centro Fatebenefratelli. In questo complesso – originariamente un convento del XVII secolo – si trova oggi uno dei più importanti orti botanici della zona in quanto a rilevanza storica e per la completa varietà di piante che presenta, costruito negli anni Ottanta del secolo scorso nel luogo esatto dove un tempo i frati dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio coltivavano le erbe medicinali impiegate per le cure dei pazienti. Il giardino botanico vanta oltre 450 specie di piante rare e speciali, da quelle aromatiche e acquatiche alle varietà alpine e medicinali, ognuna delle quali è indicata sia con il termine latino che con quello comune. Dopo aver visitato il giardino, potrete pedalare attorno al Lago di Pulsiano su un percorso che combina piste adibite alle biciclette con strade locali, prima di fare ritorno a Malgrate per restituire le vostre bici.    

Orto Botanico | mappa
Rush Cycle | mappa

Per automobilisti transnazionali: Villa Bagatti Valsecchi e Parco Scherrer

Qual’è una delle caratteristiche migliori dei laghi italiani? La loro vicinanza alla Svizzera. E una delle nostre escursioni preferite è una scappata oltre la frontiera per entrare in Svizzera e assaporare il sontuoso stile di vita proprio del Lago di Lugano (complessivamente soltanto a 3 o 3 ore e mezza di guida!). Il personale del Palazzo del Vice Re sarà lieto di prenotare una macchina a noleggio con autista per la vostra gita, che inizia con la corsa in traghetto da Bellagio a Menaggio. Sulle colline appena sopra Menaggio, vi attenderà una visita guidata ai giardini di Villa Bagatti Valsecchi, tra i più belli e tuttavia ancora piuttosto appartati e non del tutto noti della zona. Un architetto milanese, il Barone Bagatti Valsecchi, ha passato la sua vita ad assicurare che questo giardino rimanga delizioso e ben curato come soleva essere quando suo padre, il noto orticoltore Pasino Bagatti Valsecchi, lo progettò all’inizio del Novecento. I punti panoramici che danno sulla Val Sanagra, la collezione eclettica di alberi autoctoni e alloctoni, e i fiori variopinti che sbocciano in ogni stagione rendono questo giardino un luogo davvero incantevole.     

Dopo pranzo, l’escursione continua lungo le sponde del Lago di Lugano, che digradano da ripidi pendii boscosi sul versante del ramo settentrionale all’animata città di Lugano avvolta dalla sua baia stipata di imbarcazioni. A sud di Lugano sorge il pittoresco paese di Morcote, dove la chiesa sulla cima della collina, i portici sulla sponda del lago e i serpeggianti vicoli medievali vi riporteranno indietro nel tempo. Una volta che avrete terminato di pranzare in una delle trattorie situate sulla riva, recatevi nel vicino Parco Scherrer. L’eccentrico mercante tessile Hermann Scherrer, con la sua spiccata vena artistica, passò anni e anni a coltivare piante esotiche e orientali nel suo paradiso privato, collocando statue greche e romane tra le follie di fogliami e costruzioni con esotici stili architettonici che scoprì in occasione dei suoi viaggi d’affari. Passerete dei momenti piacevoli a salire e scendere le scale entrando e uscendo dai mondi fantastici creati dal Signor Scherrer prima di fare ritorno a Lezzeno passando per Como. 

view Villa Bagatti Valsecchi on a map
Parco Scherrer | mappa

Per famiglie con bambini curiosi di ogni età: Villa Melzi

Il giardino di Villa Melzi, appena fuori Bellagio, è l’antidoto perfetto all’affollato centro della città, grazie alla sua passeggiata sul lungolago all’ombra dei sicomori, i suoi silenziosi declivi ricoperti di rododendri e l’acqua del suo giardino giapponese in stile Zen. E i nostri laboratori didattici di scienze naturali pensati per le famiglie con guida locale e naturalista sono il perfetto antidoto ai bambini e alle ricorrenti suppliche quali “non siamo ancora arrivati?”. Dopo una visita all’insegna dell’orticoltura di questo rinomato parco all’inglese, arriva il momento di mettere mano a uno dei vari laboratori didattici che insegnano all’intera famiglia gli aspetti affascinanti delle scienze attraverso esperimenti di facile comprensione e di oggetti e osservazioni in relazione diretta con la natura.   

Gli ospiti possono scegliere tra i laboratori che riguardano le Scienze della Terra, incentrati sull’orientamento in mezzo alla natura, sulla lettura del significato delle nuvole dalla loro forma e colore e sulla geologia. Le famiglie abili nei lavori manuali potrebbero preferire un Laboratorio Creativo in cui si impiegano materiali riciclati per fare strumenti musicali o un cattura sogni fai da te. Si realizzano anche esperimenti di botanica,  fotosintesi e ricerca di cibo, e si impartiscono lezioni su come creare giardini per attirare gli indispensabili uccelli, api e farfalle. Il personale del Palazzo sarà felice di collaborare con la nostra espertissima guida per ritagliare su misura l’esperienza che più si addice a voi e ai desideri particolari della vostra famiglia. E una volta che giungerete alla fine, le gelaterie di Bellagio sono sempre a portata di mano per una ricompensa ben meritata.     

Villa Melzi | mappa

Per amanti della moda e dei fiori: la Seta e il Giardino privato

La città di Como è stata rinomata in tutto il mondo come prestigioso centro della produzione della seta fin dal XV secolo: non solo il clima era ideale già da allora per i gelsi che alimentavano i bachi, ma gli artigiani e gli imprenditori si dimostrarono da sempre estremamente abili nella creazione e commercializzazione di tessuti in seta di alta qualità. Abbiamo un ottimo rapporto con una di queste importanti ditte produttrici del Lago di Como che al giorno d’oggi è gestita dalla quarta generazione della famiglia ed è una delle aziende leader di spicco a livello internazionale nella creazione, produzione e distribuzione dei tessuti. Le stoffe di seta serigrafate e stampate digitalmente sono vendute sia con le etichette dei principali designer della moda sia con la marca propria dell’azienda, e questa famiglia illustre è nota anche per il generoso patrocinio dell’orticoltura e delle arti.  

Il nostro personale del Palazzo non esiterà a organizzare un’esperienza esclusiva in grado di offrire agli ospiti l’opportunità unica di conoscere una delle personalità più carismatiche del leggendario commercio della seta e di dare uno sguardo all’interno di uno dei giardini privati più lussuosi del Lago di Como. Gli ospiti appassionati di moda e di commercio della seta potrebbero volere avvalersi delle nostre visite guidate al Museo della Seta di Como, agli outlet locali con articoli di seta in vendita a ottimo prezzo e perfino alle consacrate sale di produzione di un fabbricante del posto. Avrete poi la rara opportunità di avventurarvi nel magnifico giardino in riva al lago che circonda l’elegante villa di un Amministratore Delegato locale della seta, uno degli abitanti più distinti di Como. Potrete assaporare il piacere di una visita privata al suo giardino terrazzato pieno di piante tipiche della regione quali il giglio, il glicine e la preferita dei  bachi, il gelso, mentre gusterete un aperitivo leggero di vino locale e prelibatezze in compagnia di una persona del posto autentica e speciale.   

Il Lago di Como ha una grande varietà di splendidi giardini amati sia dagli orticoltori che dagli appassionati di quest’arte per le viste panoramiche, la diversa vegetazione e la ricca storia. Alcune di queste oasi situate sulle sponde del lago – quali Villa Carlotta a Tremezzo e Villa del Balbianello a Lenno – sono ben note e molto frequentate dai visitatori che vengono a villeggiare in questa zona, mentre altre rimangono più appartate e aspettano soltanto di essere scoperte. Abbiamo stilato per voi una pratica lista di giardini che potrete visitare durante il vostro soggiorno al Palazzo del Vice Re, e abbiamo abbinato ognuna di queste visite a una delle esperienze uniche che offriamo e che danno ai nostri ospiti una visione e comprensione più profonde e intense, e allo stesso tempo un piacevole svago. Tra le nostre proposte, ognuno di voi troverà qualcosa di più speciale e appropriato alla sua personalità e ai suoi gusti, dato che i nostri suggerimenti spaziano dalle famiglie con bambini curiosi ai maghi della fotografia e artisti dilettanti, e non dovrete fare altro che rivolgervi al nostro personale perché vi organizzi un’escursione botanica davvero speciale. 

Che la flora sia con voi!     

Per tipi avventurosi:

Giardino del Merlo 

Pochi visitatori optano per l’escursione all’Alto Lago durante il loro soggiorno sul Lago di Como, e si perdono veramente qualcosa! Il ramo settentrionale, caratterizzato da un tipo di paesaggio più desolato e battuto dal vento, offre la serenità dei luoghi appartati dagli itinerari massificati, una storia di grandi gesta e il posto che più vi infonderà la sensazione di essere in comunione con la natura selvaggia che potrete trovare in tutta la zona del lago favorito al mondo. Su una collina ricoperta di boschi tra i paesi di Musso e Dongo, scoprirete il pittoresco Giardino del Merlo, disposto su terrazze che si estendono al di sotto della deliziosa Chiesa di Sant’Eufemia. La storia di questa zona è affascinante: il bellissimo marmo bianco è stato estratto da cave del posto dall’epoca dell’Impero Romano; un re pirata del XVI secolo regnò sul lago con pugno di ferro dalla sua fortezza elevata sulle scogliere di Musso e il dittatore Mussolini fu catturato in queste colline nel 1945 mentre tentava di scappare in Svizzera.   

E fu proprio qui dove nel 1858, vicino alle rovine della vecchia fortezza, Giovanni Manzi decise di creare un giardino botanico terrazzato come quelli che si possono trovare sulle ripide scogliere della costa ligure. Sebbene il Giardino del Merlo non sia più l’oasi magnificamente curata che soleva essere quando era in vita la nipote di Manzi, è tuttora emozionante girovagare per i suoi sentieri rocciosi, arrampicarsi sui ponti e avventurarsi nelle cave di marmo. Gli amanti dei giardini del posto si stanno impegnando con sforzi sovrumani per restaurare il Giardino del Merlo e riportarlo al suo antico splendore, mentre la caratteristica flora mediterranea, che va dai fichi d’India agli alberi di eucalipto, e che si fonde armoniosamente con la tipica vegetazione autoctona è ancora ben presente e visibile. I punti panoramici di cui si può godere dal giardino non hanno nulla da invidiare alle più splendide viste, ma a causa della mancanza di barriere di protezione e alcuni punti del terreno piuttosto accidentati, consigliamo vivamente agli ospiti di essere molto prudenti, di indossare calzature adatte e di lasciare i piccoli a casa.    

Giardino del Merlo | mappa

Per quelli che amano indugiare:

Giardino della Valle

Nonna Pupa – una nonna del posto maestra del giardinaggio estremo – è una specie di celebrità nella zona del Lago di Como. È stimata sia dalla gente del luogo che dai visitatori per i suoi sforzi coraggiosi e audaci nel trasformare l’oscenità di una discarica illegale della sua Cernobbio in un’idilliaca oasi piena di statue bizzarre, ponti romantici e serpeggianti sentieri ombreggiati. Passeggiare per il Giardino della Valle, che si distingue per la sua atmosfera piuttosto intima, è un’avventura di non lunga durata, a meno che (come noi!) non preferiate attardarvi leggendo versi di poesia riportati nei cartelli, soffermandovi ad ammirare le opere d’arte o tentando di identificare ogni tipo di fiore o bocciolo. Coloro che amano la lettura e la letteratura adoreranno la piccola biblioteca a prestito gratuito e la panchina situata nelle vicinanze perfette per indugiare con un buon libro in mano.

Ogni giorno è buono per visitare il Giardino della Valle, ma naturalmente alcuni giorni ispirano più di altri, dunque vi consigliamo di consultare il sito web e la pagina di Facebook di questo giardino per ottenere informazioni e dettagli su eventi in arrivo che vanno da concorsi con i fiori per protagonisti a letture e concerti. Con un po’ di fortuna, potrete trovarvi in paese per uno degli open day del giardino in occasione dei quali i volontari, assolutamente indispensabili, donano il loro tempo e il loro talento  per mantenere questo paradiso fiorito al massimo del suo vigore. Anche voi potreste ritrovarvi nel gran numero di solerti giardinieri – come quelli che si sono presentati per il recente evento “Dig for Glory” nel mese di luglio – e avere pure la fortuna di conoscere di persona la novantaduenne Nonna Pupa, un’eccezionale fonte d’ispirazione!

Giardino della Valle | mappa

Per appassionati di orticoltura e ciclismo:

Orto Botanico a Valmadrera

La zona nella punta meridionale del ramo di Lecco sul Lago di Como e nei suoi dintorni è il sogno dei ciclisti e degli amanti della natura. Una pista ciclabile lungo il Fiume Adda va da Lecco fino ai canali di Milano; in alternativa a questo percorso, potrete trascorrere soltanto qualche ora a fare il giro dell’incantevole Lago di Garlate a sud di Lecco, come abbiamo menzionato in un recente blog post. Se amate l’orticoltura e il ciclismo, quest’escursione a Valmadrera, nella parte orientale di Lecco, è l’opzione ideale per voi. 

Prima recatevi a Malgrate, al negozio Rush Cycle, per noleggiare le biciclette e per chiedere al personale esperto indicazioni e dettagli su come raggiungere il centro del vicino borgo di Valmadrera e il Centro Fatebenefratelli. In questo complesso – originariamente un convento del XVII secolo – si trova oggi uno dei più importanti orti botanici della zona in quanto a rilevanza storica e per la completa varietà di piante che presenta, costruito negli anni Ottanta del secolo scorso nel luogo esatto dove un tempo i frati dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio coltivavano le erbe medicinali impiegate per le cure dei pazienti. Il giardino botanico vanta oltre 450 specie di piante rare e speciali, da quelle aromatiche e acquatiche alle varietà alpine e medicinali, ognuna delle quali è indicata sia con il termine latino che con quello comune. Dopo aver visitato il giardino, potrete pedalare attorno al Lago di Pulsiano su un percorso che combina piste adibite alle biciclette con strade locali, prima di fare ritorno a Malgrate per restituire le vostre bici.    

Orto Botanico | mappa
Rush Cycle | mappa

Per automobilisti transnazionali:

Villa Bagatti Valsecchi e Parco Scherrer

Qual’è una delle caratteristiche migliori dei laghi italiani? La loro vicinanza alla Svizzera. E una delle nostre escursioni preferite è una scappata oltre la frontiera per entrare in Svizzera e assaporare il sontuoso stile di vita proprio del Lago di Lugano (complessivamente soltanto a 3 o 3 ore e mezza di guida!). Il personale del Palazzo del Vice Re sarà lieto di prenotare una macchina a noleggio con autista per la vostra gita, che inizia con la corsa in traghetto da Bellagio a Menaggio. Sulle colline appena sopra Menaggio, vi attenderà una visita guidata ai giardini di Villa Bagatti Valsecchi, tra i più belli e tuttavia ancora piuttosto appartati e non del tutto noti della zona. Un architetto milanese, il Barone Bagatti Valsecchi, ha passato la sua vita ad assicurare che questo giardino rimanga delizioso e ben curato come soleva essere quando suo padre, il noto orticoltore Pasino Bagatti Valsecchi, lo progettò all’inizio del Novecento. I punti panoramici che danno sulla Val Sanagra, la collezione eclettica di alberi autoctoni e alloctoni, e i fiori variopinti che sbocciano in ogni stagione rendono questo giardino un luogo davvero incantevole.     

Dopo pranzo, l’escursione continua lungo le sponde del Lago di Lugano, che digradano da ripidi pendii boscosi sul versante del ramo settentrionale all’animata città di Lugano avvolta dalla sua baia stipata di imbarcazioni. A sud di Lugano sorge il pittoresco paese di Morcote, dove la chiesa sulla cima della collina, i portici sulla sponda del lago e i serpeggianti vicoli medievali vi riporteranno indietro nel tempo. Una volta che avrete terminato di pranzare in una delle trattorie situate sulla riva, recatevi nel vicino Parco Scherrer. L’eccentrico mercante tessile Hermann Scherrer, con la sua spiccata vena artistica, passò anni e anni a coltivare piante esotiche e orientali nel suo paradiso privato, collocando statue greche e romane tra le follie di fogliami e costruzioni con esotici stili architettonici che scoprì in occasione dei suoi viaggi d’affari. Passerete dei momenti piacevoli a salire e scendere le scale entrando e uscendo dai mondi fantastici creati dal Signor Scherrer prima di fare ritorno a Lezzeno passando per Como.

Villa Bagatti Valsecchi | mappa
Parco Scherrer | mappa

Per famiglie con bambini curiosi di ogni età:

Villa Melzi

Il giardino di Villa Melzi, appena fuori Bellagio, è l’antidoto perfetto all’affollato centro della città, grazie alla sua passeggiata sul lungolago all’ombra dei sicomori, i suoi silenziosi declivi ricoperti di rododendri e l’acqua del suo giardino giapponese in stile Zen. E i nostri laboratori didattici di scienze naturali pensati per le famiglie con guida locale e naturalista sono il perfetto antidoto ai bambini e alle ricorrenti suppliche quali “non siamo ancora arrivati?”. Dopo una visita all’insegna dell’orticoltura di questo rinomato parco all’inglese, arriva il momento di mettere mano a uno dei vari laboratori didattici che insegnano all’intera famiglia gli aspetti affascinanti delle scienze attraverso esperimenti di facile comprensione e di oggetti e osservazioni in relazione diretta con la natura.   

Gli ospiti possono scegliere tra i laboratori che riguardano le Scienze della Terra, incentrati sull’orientamento in mezzo alla natura, sulla lettura del significato delle nuvole dalla loro forma e colore e sulla geologia. Le famiglie abili nei lavori manuali potrebbero preferire un Laboratorio Creativo in cui si impiegano materiali riciclati per fare strumenti musicali o un cattura sogni fai da te. Si realizzano anche esperimenti di botanica,  fotosintesi e ricerca di cibo, e si impartiscono lezioni su come creare giardini per attirare gli indispensabili uccelli, api e farfalle. Il personale del Palazzo sarà felice di collaborare con la nostra espertissima guida per ritagliare su misura l’esperienza che più si addice a voi e ai desideri particolari della vostra famiglia. E una volta che giungerete alla fine, le gelaterie di Bellagio sono sempre a portata di mano per una ricompensa ben meritata.     

Villa Melzi | mappa

Per amanti della moda e dei fiori: la Seta e il Giardino privato

La città di Como è stata rinomata in tutto il mondo come prestigioso centro della produzione della seta fin dal XV secolo: non solo il clima era ideale già da allora per i gelsi che alimentavano i bachi, ma gli artigiani e gli imprenditori si dimostrarono da sempre estremamente abili nella creazione e commercializzazione di tessuti in seta di alta qualità. Abbiamo un ottimo rapporto con una di queste importanti ditte produttrici del Lago di Como che al giorno d’oggi è gestita dalla quarta generazione della famiglia ed è una delle aziende leader di spicco a livello internazionale nella creazione, produzione e distribuzione dei tessuti. Le stoffe di seta serigrafate e stampate digitalmente sono vendute sia con le etichette dei principali designer della moda sia con la marca propria dell’azienda, e questa famiglia illustre è nota anche per il generoso patrocinio dell’orticoltura e delle arti.

Il nostro personale del Palazzo non esiterà a organizzare un’esperienza esclusiva in grado di offrire agli ospiti l’opportunità unica di conoscere una delle personalità più carismatiche del leggendario commercio della seta e di dare uno sguardo all’interno di uno dei giardini privati più lussuosi del Lago di Como. Gli ospiti appassionati di moda e di commercio della seta potrebbero volere avvalersi delle nostre visite guidate al Museo della Seta di Como, agli outlet locali con articoli di seta in vendita a ottimo prezzo e perfino alle consacrate sale di produzione di un fabbricante del posto. Avrete poi la rara opportunità di avventurarvi nel magnifico giardino in riva al lago che circonda l’elegante villa di un Amministratore Delegato locale della seta, uno degli abitanti più distinti di Como. Potrete assaporare il piacere di una visita privata al suo giardino terrazzato pieno di piante tipiche della regione quali il giglio, il glicine e la preferita dei  bachi, il gelso, mentre gusterete un aperitivo leggero di vino locale e prelibatezze in compagnia di una persona del posto autentica e speciale.   

2018-07-23T18:47:49+00:00Luglio 23rd, 2018|Categories: Lago di Como|0 Comments

Leave A Comment